Downshifting à la Sylvie # 4

Jumping Girl, Harry Todd

Roba grossa stavolta ragazzi. Snocciolo i seguenti punti con un certo orgoglio (e anche con un certo pregiudizio):

  • questa è la mia settimana n.9 SENZA SIGARETTE. Sì, ho smesso di fumare. (Cavolo, dovevo metterlo nel titolo del post, Dio SEO lo avrebbe imposto…). Fumavo da quando avevo circa 16 anni, praticamente non ho ricordi di una vita senza fumo. Mi sento ancora molto fragile, ma senza sigarette ho superato già prove difficilissime: otto ore di corso di formazione; un matrimonio; cena con amici; un festival di musica elettronica; aperitivi; GliAmericani; lite con il fidanzato; la vita di tutti i giorni…
Leggi il seguito di questo post »
Annunci

Downshifting à la Sylvie # 3

Woman in bathroom, With Love Photography, Flickr

Senza preamboli vi dico subito che dopo aver passato una tenera e ludica mattinata a letto col fidanzato, mi sto preparando per la mia SPA casalinga:

  • scrub viso fai da te
  • maschera Weleda Amande (quando avrò finito questa ne autoprodurrò una)
  • depilazione con lametta (sì, sì, oltre ad essere magra di natura non sono nemmeno una che soffre di pelo irto e setoso… eh, so’ fortune)
  • doccia calda e lunga
  • automassaggio con gel Equilibra Aloe Vera (anche questo, una volta finito,  lo vorrei autoprodurre)

Nelle settimane scorse, inoltre: Leggi il seguito di questo post »


Downshifting à la Sylvie #2

 

La verità negata, Magritte

Il Downshifting à la Sylvie # 1 ha come risultato la regola:

metti te stesso sicuramente davanti all’azienda e ai tuoi capi, da valutare caso per caso a quali colleghi e collaboratori

Anche il Downshifting à la Sylvie # 2 si porta dietro una regoletta, una cosa facile facile, a pensarci prima e con un minimo di lucidità e distacco. La verità è che la verità ai capi non la si vorrebbe/potrebbe/dovrebbe dire mai. Loro di certo non se la vogliono sentir raccontare.

Quante volte sapevo benissimo quale era l’origine di una tale effetto nocivo ad un progetto, quale azione aveva provocato un certo disastro, chi si era dimenticato di fare cosa e… ho taciuto, sì, perchè non si può andare dal capo, che è SEMPRE il responsabile dei grossi disastri (i pesci piccoli provocano tsunami piccoli) a dire: Guarda che sei stato tu, per questa e quest’altra cosa. Figuararsi! Loro combinano macelli, poi devi anche sopportarli che si lamentano come se la causa fosse una qualche forza aliena incontrollabile e, ovviamente, 9 volte su 10 devi anche correre come una pazza a risolvere, per quel che si può, il misfatto. Tutto facendo finta di non sapere niente, di non essere cosciente di quello he sta succedendo (ma poi, ci crederanno davvero che non capiamo? faranno a loro volta finta, oppure sono davvero stupidi?).

Eh, no, mò basta. Leggi il seguito di questo post »


Downshifting à la Sylvie # 1

 

 

Woman kneading dough, Viktor Budnik

Tutti i vostri preziosi commenti mi hanno dato spunti su cui lavorare (nel senso bello del termine…), scrivere e argomenti su cui provare a fare (per me in primis) chiarezza.

Forse perché ho bisogno di giustificarmi, perché voglio sentirmi una downshifter migliore, oppure a causa del mio il mio amore per la classificazione e la logica, ho deciso che ogni tanto scriverò un post in cui metterò in evidenza le (micro)azioni che, almeno io, penso di attuare sulla strada verso la liberazione dal lavoro (nel senso brutto del termine) e la riappropriazione di me.

Ciò non mi vieterà di scrivere anche le mie fanstastorie su NoNothing Inc., vere o fiction che siano, perché mi diverto come una matta ad andare fuori tema rispetto al titolo del blog. Che poi, tengo a sottolineare, per me questo sitarello, scrivere, inventare trame e iperbolizzare personaggi É downshifting a tutti gli effetti: prima di ottobre 2009 non mi sognavo neanche di ritagliarmi uno spazio per un’attività così poco produttiva come lo scrivere.

Ho un piccolissimo, ma significativo, esempio di come LaStancaSylvie sia già un po’ guarita, una cosina che mesi fa non si sarebbe mai verificata. Vi avverto, non é divertente come i dialoghi stralunati dei personaggi di NoNothing Inc.: Leggi il seguito di questo post »