A Natale LaStancaSylvie è più sanguinaria

Drops of blood, Roy Botterell

Questi benedetti e lussuosi cinque giorni di ponte, come vi dicevo, li ho passati a cucinare e a massimamente oziare, visto che di norma la mia vita non è altro che un gigante rincorrere eventi stupidi e senza senso, ma ad una velocità pazzesca. Avrei potuto fare cose molto utili, ma no, ho deciso di macerarmi nel nulla, ed è stato qualcosa di cui non mi potrò mai pentire.

Bene. Invece di essere contenta di avere avuto la fortuna di starmene cinque, e dico 5, giorni a casa a fare massimamente un cazzo, adesso sono infuriata marcia perché questa mattina si rompe l’incanto, io mi sono svegliata all’alba con l’ansia di dover andare in ufficio e vedere tutte quelle facce di cazzo (sì, di nuovo, e non sono nemmeno le 7.00 del mattino. L’ho detto che sono infuriata…).

Per calmarmi ho dunque deciso di fare un breve esercizio: come vorrei ucciderli tutti, o quasi, con le mie manine. Vai col primo:

GranCamiciaCifrata: simulerei un suicidio, lo vorrei stecchire con i gas del suo Suv nel suo super box in centro, sul tavolo della cucina lascerei una overview di bilancio dela nostra Business Unit, motivazione più che sufficiente per farsi fuori. 

LaMortaFelice: le infilerei la testa nel monitor infranto del pc che fissa in modo vacuo tutto il giorno come attività preponderante; ne farei poi un’istallazione mettendo il corpo con tutta la postazione  (desk, sedia, pc ovviamente) dentro ad una teca da esporre all’ingresso (con rigorosi schizzi di sangue e ciuffi di capelli sul vetro), vicino alla reception.

PollyCanna: la drogo mettendo qualcosa di sfizioso nella sua tisana depurativa (e ci sputo pure, non resisto), poi la porto da Zara a comprare un completo dozzinale, le impastriccio il viso nel bagno di un caffé dozzinale con del trucco dozzinale, le faccio bere un cocktail dozzinale e, fatta come una carogna, la lascio in Ticinese orario aperitivo, con le calze smagliate e un tacco rotto. La ritroveranno in Darsena il mattino dopo rosicchiata dalle pantegane.

IlRedAttore: sì, lui è un pesce piccolo, insignificante, ma mi sta troppo sul cazzo (e tre, lo so, lasciatemi sfogare), e quindi lo faccio fuori, ma senza impegno. Poverino, è allergico al formaggio, mi ripeto mentre lo vedo agonizzare in magazzino con quel faccione rosso paonazzo che si confonde, a questo punto, con il pantone ridicolo dei suoi capelli. Scatto una Hipstamatic super cool col suo iPhone di merda e gliela metto come profilo sul suo Facebook da Community Manager di merda (non ho nemmeno avuto bisogno della password, che comunque è facile farsi dare mentre stai uccidendo qualcuno: la sua è sk8erBoy, che sfigato).

Meno quattro. Beh, ci sentiamo presto con la ricetta dello sformato di patate che ho cucinato ieri sera.


5 commenti on “A Natale LaStancaSylvie è più sanguinaria”

  1. ImpiegataSclerata scrive:

    Metodi ottimi tutti e 4.

    Per “suicidare” la mia collega probabilmente basterebbe boicottarle tutti e 3 i cellulari e i telefoni dell’ufficio nonchè bloccarle internet. Hai voglia che farebbe senza facciadilibro. Saerbbe costretta a lavorare.

  2. icittadiniprimaditutto scrive:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

  3. Exodus scrive:

    Noi due amici, ok?

  4. lorenzo scrive:

    io una volta ho immaginato di trucidare un “cliente” (che poi cliente non è, visto che praticamente mi fa lavorare per lui e mi da 4 soldi), la scena era molto cinematografica:

    sala riunioni, tutta a vetri. mentre parla di come me lo metterà in culo per l’ennesima volta, e io ci devo stare, passeggio nervosamente per la stanza, e comincio a chiudere le tendine, una ad una.
    non si accorge che si è fatto buio, e solo le luci artificiali ormai irradiano un bianco metallico che rende ancora più fredda la stanza. poi, mentre mi avvicino per discutere delle bozze che ho fatto e che non vanno bene perchè non sa fare a spiegarsi, gli afferro la testa, la sbatto sul tavolo di vetro, e mentre è ancora mezzo tramortito, lo tiro giù dalla sedia, poi gli poggio il collo all’altezza dello spigolo di vetro del tavolo e comincio a farlo scorrere, dicendo “hai ragione, con il rosso sta meglio, è molto più calda così!!”

    scherzo, non ci ho pensato davvero. aspetta, però se l’ho scritto forse l’ho pensato….!

    uhm….

  5. […] altri personaggi A Natale LaStancaSylvie è più sanguinaria […]


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...