Specie letali: ErNeanderthal

Neanderthal Head, Nick Hewetson

Negli abissi delle aziende, pronta a salire in superficie in qualunque momento per trangugiare la preda, vive una specie letale non soggetta ad evoluzione. È per questo che è così tremenda. Mortifera, brutale, più pericolosa dei capi e dei clienti perché è una razza nata dall’accoppiamento fra di essi, ha ereditato le caratteristiche peggiori di entrambi, condensandole in un mix pestifero. È il temutissimo ClienteInterno, ovvero un cliente geneticamente modificato che prospera dentro le viscere della tua stessa azienda e il cui veleno ti porterà alla tomba. Ma seguiamone uno che vive far le rovine sommerse di NoNothing Inc., per scoprirne comportamenti e caratteristiche.

Lavoratori, lavoratrici, osservate da lontano e con le protezioni al posto giusto, ecco a voi ErNeanderthal:

  • questo è un esemplare anziano, molto anziano, che tipicamente usa la sua esperienza non per trasmettere conoscenza ai cuccioli, ma per sbranarli: è l’Erode del complesso e delirante sistema aziendale;
  • essendo geneticamente modificato, il ClienteInterno ErNeanderthal non paga. Ovvio che ti fa fare mille preventivi, passati attraverso mille iter di approvazione e mille sconti perché siamo tutti dentro lo stesso abisso, ma è proprio qui che sta la sua malvagità. Lui sa che non pagherà fin dall’inizio, ma il suo istinto vorace è quello di contrattare fino alla morte, in una lunga lotta che giunge immancabilmente allo sfinimento della vittima, che accetta per non impazzire di stanchezza;
  • a ErNeanderthal non si può dire di NO, mai, pena lungo pippone da ciascuno dei capi che ti chiama prima in ufficio, poi ti porta nella saletta relax e ti spiega, in un racconto lungo almeno due ore (di straordinario non pagato) il perché di questa negazione impossibile, narrando le gesta di questo esemplare purtroppo per nulla raro: agli albori di NoNothing Inc., quando ancora non esisteva manco la televisione, ErNeanderthal divideva il banco di scuola con l’Azionista maggioritario. Ecco finite le gesta: una sola, ma fondamentale;
  • essendo ErNeanderthal amico di famiglia, praticamente il suo job title, può fare e disfare tutto, pretendere tutto, ma soprattutto può andare a piangere alla fonte, dal Supremo, dal Magnifico, ovvero dove tu, io, noi, non avremo mai accesso. Dall’Azionista maggioritario, dal padrone. Cosa vuoi che sia una ragione produttiva ed economica di fronte ad un’infanzia passata insieme?
  • il nostro terribile esemplare di 69 anni di età ha sterminato decine di dipendenti, per non parlare di collaboratori, che si sono dati la morte per colpa sua: se ti prende di mira e decide che sei la sua redattrice, o segretaria, o controller, o baby sitter dei nipoti, anche se per dire sei la Brand Equity Manager di una BU che non c’entra niente con al sua… beh, l’unica via per scappare è il licenziamento. Nessuno, NESSUNO, nemmeno il capo delle Risorse Umane minacciato da schiere di avvocati assatanati potrebbe salvarti. Nemmeno se volesse. D’altro canto cos’é la giustizia al cospetto degli idilliaci giorni dell’infanzia?
  •  ErNeanderthal parla e scrive una lingua tutta sua: in onda sostituisce online, réclame  sostituisce qualunque forma di pubblicità (carta, online, tv, affissioni etc…), dvd sostituisce ogni tipo di immagine in movimento, da uno slide di foto ad un film in pellicola… quindi quando deve scrivere che lo spot pubblicitario è andato online esce una cosa del tipo: La réclame del dvd è in onda. E sono cazzi tuoi se non capisci, cosa vuoi che sia la semantica di fronte ai candidi anni dell’infanzia?;
  • questo letale esemplare è immune da spiegazioni logiche: puoi spiegargli gentilmente per mesi che tu non sai fare l’avvocato perché sei laureata in ingegneria, e puoi segnalargli gli avvocati dell’azienda (che peraltro ErNeanderthal conosce benissimo) ai quali non puoi proprio sostitirti, ma per lui questo non sarà mai un problema: se ha bisogno di una surroga da te, l’avrà da te, o dalla tua sostituta, che sarà un avvocato. O prendi la laurea che ti (gli) serve con CEPU o ti licenzi, a te la scelta.
Ma la vera notizia interessante è che da febbraio 2011 la vittima designata di ErNeanderthal è LaStancaSylvie, che non è più nel mood accondiscendente di sempre, che non è più così ubbidiente, che non ha più paura di licenziarsi. Allora, che facciamo?

13 commenti on “Specie letali: ErNeanderthal”

  1. AD Blues scrive:

    Hai mai pensato di licenziarti per andare a lavorare a Superquark?😉
    Un racconto bellissimo!!!

    —Alex

  2. Exodus scrive:

    Eh…

    eh…

    bel dilemma.

    Il fatto che per “l’azionista maggioritario” il Neanderthal è “qualcuno”, gli altri dipendenti “nessuno”. E’ una battaglia persa in partenza, naturalmente.

    Ma non puoi, come faccio io a volte, essere accondiscendente ma al tempo stesso mostrargli un tale disprezzo che rivolgersi a te sarà una sofferenza (per lui)? Le donne se vogliono sono terribili in questo. Attenzione: se è anche sociopatico, mostrare disprezzo vuol dire invitarlo a nozze, lì è meglio evitare perchè o lo abbatti, o lui abbatte te.

    Però, se non è sociopatico di solito funziona. Faccio quello che mi chiedono, e subito, ma in modo da far apparire la loro incapacità a risolvere problemi, la loro inutilità. Di solito poi si rivolgono a qualcun altro. Mostrare disprezzo non richiede la lite, la battuta, l’incomprensione, anzi non possono accusarti neppure di essere poco collaborativa. Voce spenta, annoiata, mezzo sbuffo al telefono (solo mezzo, non di più), non discutere anche se al cliente piace, insomma i tipici accorgimenti con cui una moglie se vuole fa secco il marito, tutto rivolto al Neanderthal. Certo se continua è sociopatico (problema), masochista (rottura di scatole), oppure innamorato (allora è già tuo!).

    Ciao.

  3. sesto rasi scrive:

    ….ci ho avuto a che fare una dozzina di anni fa! età da pensione, fare viscidissimo, mi chiese di aiutarlo in studio di fattibilità preliminare approssimativo e sgangherato, l’importante che gli consentisse un improbabile business in Brasile dove (dicevano) andava in realtà a scoparsi ragazzine con copertura in nota spese…

    beh, mi ricordo che, dopo un mio primo feedback apertamente scortese (“ma è una minchiata, non c’è bisogno nè di un genio, nè del mio tempo, per capire che non sta in piedi…” ) e di un tentativo di mostrare dispregio…., mi accorsi che anche il mio capo mi dava ragione ma mi faceva capire (senza dirlo apertamente) che non c’era da prenderlo di punta. Per cui la tattica numero due fu schivarlo, si appiccicasse ad altri che ancora dovevano capire l’antifona…

    gli avevo anche dato un soprannome gustoso che adesso curiosamente non ricordo (formichiere o giù di lì) …

    bye

  4. ciskje scrive:

    dire che ti adoro è poco🙂
    come ti capisco…….

    fratello di internet provider

  5. Margot scrive:

    Anche se la specie in questione non appartiene formalmente a quella dei “capi”, al riguardo devi assolutamente andare a vedere “Come ammazzare il capo e vivere felice” (solita pessima traduzione italiana del titolo). Io ho riso dall’inizio alla fine, ma poi ho anche pianto un po’, quando mi sono resa conto che il film, nonostante l’assurdità di alcune gag, corrispondeva in parte a realtà. Soprattutto il nonno della scena finale corrisponde alla tua descrizione…..

  6. Dopo aver visto il film ti metto in contatto con il mio IT…decisamente ti sara’ d’ aiuto!

  7. AkaiSuisei scrive:

    OMG! Ma non c’è nemmeno un attimo di tregua lì??? Lo dico sempre, meglio uno stronzo intelligente, che uno (o più) ignorante… Gli ultimi non si riposano MAI!…Ma quoto Exodus… Ci vuole tattica…a muso duro, con questi non paga, I am afraid… Forza Sylvie!!!!😉

  8. Sherpa01 scrive:

    Non c’entra niente, ma poi la tua lotta alla nicotina come sta andando ?

  9. extramamma scrive:

    Magari un overdose di viagra lo fa fuori…mettigliene se riesci nel caffè della macchinetta o in altri drink da brainstorming! Poi paghi un’avvenente badante che finisca il lavoretto!

    Oppure fallo scivolare, (spero non ci sia l’orrida moquette) butti un po’ di olio nel corridoio davanti alla sala riunioni, lui cade e si rompe il femore, fuori da maroni per un po’.

    Fagli lo sgambetto perchè cada dalle scale o meglio ancora nel vano dell’ascensore vuoto!

  10. lorenzo scrive:

    chissà perchè chi non capisce un cazzo di solito riveste posizioni importanti, o presunte tali. come diceva amleto…

    “ci sono più cose in cielo e in terra di quante ne possa psiegare la tua filosofia, orazio…!”

    (orazio era il suo amico e secondo me era pure un pò scemo).

  11. […] PollyCanna, ErNeanderthal non mi permette di andare avanti con il resto del mio lavoro: ClienteX, ClienteY, ClienteZ, il […]


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...