Il Sacrificio Pasquale di PollyCanna

Vetrina di Pasqua Luis Vuitton New York

Ieri, Venerdì Santo, a NoNothing Inc. c’erano tutti. Ma tutti tutti (a proposito di tutti tutti, avete visto la nuova pagina dei personaggi?), anche IlPorcoPusillanime e LaMortaFelice meno che… PollyCanna ovviamente, in partenza per Bormio, Hotel Bagni Vecchi.

Martedì mattina incrocio per le scale un povero fattorino SDA con il carrello zeppo di sacchetti monogrammati. Mi spiaccico alla parete per farlo passare e mi arriva lo spigolo di quello che poteva essere un beauty case direttamente in fronte.

Vedo le stelle ma non cado, vista la posizione, o meglio, non vedo stelle, ma vedo tante LV che si staccano dai sacchetti monogrammati e mi ruotano intorno alla capoccia. Che botta, ma nonostante il rincoglionimento riconosco la merce trasportata: un set di valigie Luis Vitton. Svariate migliaia di euro.

Naturalmente la merce griffata era per PollyCanna. Accompagno il povero fattorino sudato in prossimità dell’ufficio-monolocale della mia capa e firmo la bolla. Decido di andare a portarle personalmente il bottino, voglio vedere che faccia fa. Mi avvicino alla porta dell’ufficio, origlio bellamente e busso:

LaStancaSylvie: Toc toc…

PollyCanna fa sù e giù per la stanza (rumore di tacco 10) e sta parlando con qualcuno dell’ufficio accanto (sento le due voci dal vivo), certamente con il BlackBerry (lei crede che il telefono fisso sia un deumidificatore).

PollyCanna (a voce alta e distratta): Sì, prego!

Entro ed è magnifica: chignon classico, camicetta in seta bianca con rouches sul davanti, gonna color tortora sotto il ginocchio, calze a rete color carne e open toe tortora con tacco altissimo in pelle lucida. Davvero superba. E intonata pure col set di valigie…

Appena si accorge di me (no, scusate, del carrello pieno di Vuitton!) cambia espressione del viso, i suoi movimenti si fanno in slow motion e parte la canzone I will always love you di Whitney Houston. Lentamente appoggia il BlackBerry sulla scrivania e, sempre in slow, corre (sì, sì, nel suo ufficio si può correre) a braccia aperte verso il carrello. Commovente, con l’espressione da madre che rivede dopo anni la figlia creduta morta, abrraccia i sacchetti monogrammati e strofina il suo viso di porcellana sulla tela morbida. Giuro che dice, quasi fra le lacrime: Bambine, verrete con me a Bormio, sarà bellissimo, vi piacerà.

Con la fronte dolorante esco senza dire niente.

Mercoledì mi chiama LaMortaFelice e mi dice di salire da lei, ci sono problemi con il mio ordine di cancelleria.

LaMortaFelice: PollyCanna mi ha detto che devi dimezzarlo, 500 euro sono troppe e l’amministrazione è molto rigida per questo tipo di spese. Ahahahaha.

LaStancaSylvie (che ormai non si stupisce più di quasi niente): Ok, tolgo i prodotti per pulire i monitor delle sale di montaggio, i dvd double layer, gli hard disk e le pen drive.

LaMortaFelice: Ahahahahahaha.

LaStancaSylvie (che vorrebbe strapparle gli occhi a mano libera e usarle come palle anti stress): Le penne e i quaderni li lascio, oppure ci dobbiamo arrangiare con tavolette di legno e cera?

LaMortaFelice: Ahahahahahaha. Non ho capito.

LaStancaSylvie: Lo so, fa niente.

Me ne stavo andando quando vedo un modulo nota spese in bella vista (ve l’ho sempre detto, è una pessima segretaria), approfitto dello stand by perenne de LaMortaFelice e lo prendo proprio in mano: PollyCanna che si auto-autorizza il rimborso di 3750 euro per Spese di rappresentanza.

Beh, evidentemente l’amministrazione fa storia per le penne ma non per le fumose Spese di rappresentanza… Sorrido, con nonchalance faccio una copia in corridoio e rimetto l’originale al suo posto.

Prima o poi potrei avere bisogno di far uscire la sorpresa dall’uovo di Pasqua, o no?


18 commenti on “Il Sacrificio Pasquale di PollyCanna”

  1. Locomotiva scrive:

    Com’era il mantra?
    Ripeti ad alta voce datisensibilidatisensibilidatisensibili abbastanza a lungo e ti rendi conto dell’assurdità dell’espressione?

  2. 1light scrive:

    Beh… servita su un piatto d’argento, Sylvie!

  3. AD Blues scrive:

    Ahahah!!!
    L’immagine di PollyCanna che corre verso il set di valige in slowmotion è semplicemente geniale😉

    —Alex

  4. mantiduzza scrive:

    ma,ma,ma.
    ma.
    con 3750 euro vivo 7 mesi. circa.

  5. lordbad scrive:

    Mi piace il post! Inoltre cogliamo l’occasione per fare gli auguri di Buona Pasqua…Conigliosa….!!!

    Spero avrai modo di ricambiare la visita sul nostro blog Vongole & Merluzzi!

    Ricorda: il Grande Coniglio ci ama!

    http://vongolemerluzzi.wordpress.com/2011/04/24/il-grande-coniglio/

  6. lorenzo scrive:

    hai capito, la stronza! falla a pezzi e mettila dentro le valigie. sono sicuro che lei vorrebbe così.

  7. pattylafiacca scrive:

    Certo che ci vuole anche coraggio a mettere in nota spese cose del genere, io proprio non riesco a capacitarmi. Mi auguro davvero che ci sia il giorno del Giudizio Universale perchè non è giusto prendercela sempre in quel posto

    • AD Blues scrive:

      Seeeee…
      C’è persino chi mette nelle note spese aziendali la “coperta” per la notte…😉

      —Alex

      • pattylafiacca scrive:

        Non sono una tipa ingenua di solito ma davvero in questo caso mi piacerebbe vedere la faccia di questi parassiti, e poi hanno anche l’appeal di vincenti…non ho esperienza di grandi aziende ma voi dite davvero che non c’è nessuno ai piani alti che muova un’obiezione?!

  8. Ar-Pia scrive:

    Qualche anno fa, una persona matta (credo si dica mentalmente instabile, oppure con personalità bipolare, oppure quello che è) decise di suicidarsi lasciando questo triste mondo malato con un bel botto.
    Lasciò saturare di gas l’appartamento che condivideva con la madre, e poi premette l’interruttore.
    Risultato: appartamento divelto, aspirante suicida morta per crollo di un canterto, condominio evacuato.

    All’epoca abitavo nel palazzo d’angolo, e la mia coinquilina figlia-di-maria scese in strada per ficcanasare.
    Non resistendo alla propria natura, vide una poveretta fatta evacuare in tutta fretta dai pompieri e ce la portò in casa per offrirle un tè e parole di conforto.

    Erano le 6 di mattina di ottobre, l’aria era frizzante, la poveretta in pigiama e pantofole non era neppure riuscita a mettersi una giacca. Eppure stringeva al petto una valigia nuova di pacca di borbonese, vuota.

    Vorrei poter dire che me lo sono inventato, invece è successo veramente (e sullo scoppio Repubblica ci è andata avanti tre giorni…)

  9. AkaiSuisei scrive:

    Hehehehe…stupende le tue immagini…così vere….Così tristemente vere.
    Ma una giustizia c’è… C’è sicuramente, ma mai a portata di mano!!!😉 Tieni duro, non può continuare così…. Akai

  10. ondalunga scrive:

    nelle spese di rappresentanza erano messi in conti i massaggi antistress?
    mi sta venendo un feroce mal di testa….

  11. vicozzarecords scrive:

    Grandissima faccia di emme… Te continua così, raccogli prove che prima o poi il karma ne avrà bisogno per fare il suo corso!

    Complimenti per il post dei personaggi, finalmente un quadro completo e sintetico sull’azienda.

  12. extramamma scrive:

    Alcune considerazioni:
    -alla NoNothing ti hanno fatto proprio diventare bastarda.
    -le scarpe beige vanno proprio tantissimo quest’anno, però diversamente da Polly le rifuggo perchè fanno tanto “zia -anche versione zoccola- che va alla comunione”
    -grazie del link🙂

  13. Marco scrive:

    Ma è nella categoria fiction o ci sono aziende private dove cose del genere accadono normalmente?

  14. […] stato ridipinto scegliendo l’elegante nuance celestino ospedale. Gia’ tre giorni prima PollyCanna e GranCamiciaCifrata erano inavvicinabili, professionalmente fuori uso perché tanto presi dai […]

  15. […] abbia invece un bel posto fisso sotto al culo, dopo avere visto con i miei occhi che le note spese dei capi superano il mio stipendio, e di molto anche, dopo che mi si chiede anche di pulire, dopo […]

  16. Maiky scrive:

    tutto ciò è moooolto buffo…


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...