Piccoli mostri crescono a NoNothing Inc.

Medusa, Diane Ordamar

Forse vi ricordate di NuovaRedattrice? Certo che no, e il fatto che ancora non abbia un nome, e probabilmente non l’avrà mai, è idicativo.

Amicona de IlRedAttore, dal quale si fa consigliare e proteggere (ma pensa te !), si occupava fino a qualche settimana fa di scribacchiare, non so manco dove, dei redazionali a pagamento per i clienti e degli articoli da spalmare su tutti i siti che gestiamo, al solo scopo di buttar su contenuto per l’indicizzazione del sito stesso. Pare lo facesse discetamente bene, fra l’altro.

Oh, questo NON significa che siamo difronte alla Virginia Woolf della scrittura web, giammai! Significa solo che la pulzella sa mettere in fila delle frasi con le parole chiave giuste dentro, che non fa errori di sintassi e grammatica, che sa rubare le foto per l’apertura dei pezzi nei posti giusti.

Lo stile, il piglio, il sapore dei suoi articoli sono del piattume standard che nel web writing di massa è giudicato accettabile, se non auspicabile. Non si pensa che  quelle righe verranno lette da un essere umano, ma da un motore di ricerca e, se un utente a quel pezzo ci arriva, non importa quanto rimarrà a leggerlo,  ormai la pagina vista è stata fatta.  D’altro canto gli algoritmi di Google non hanno gusto. Ma tutto questo merita un post a parte…

Ah sì, parlavamo della fu anonima e trasparente NuovaRedattrice. È una tipina tutta precisina e saputellina, tutta raffinatezze e ninnoli di Tiffany, la sua famiglia è nobile e lei ha ereditato quella naturale e inconfondibile puzza sotto il naso di chi si sente migliore a prescindere. Ma fino a  questo momento non aveva mai strafatto, stava lì, faceva quello, guardava quell’altro, sommessa e silenziosa. Invece, dopo l’apprendistato con IlRedAttore, ha evidentemente continuato a seguire le sue puzzolenti orme, nell’intento di uscire dai bassifondi della manovalanza di NoNthing Inc. e fare carriera velocemente. E  qua casca l’asino.

PollyCanna, nel suo delirio gestionale, le ha affidato la messa in piedi ex novo di una sezione  del sito di un cliente, dandole anche due redattrici junior (ehm… junior come lei) in share con i miei progetti. Quindi sono anche “mie” redattrici.

Ordunque, venerdì vedo arrivare come un fulmine nel nostro open space una delle giovani di cui sopra, che afferra la borsa e scappa fuori giù per le scale. Le vado dietro, si vedeva che era successo qualcosa, e poi tanto stavo scegliendo  il mio nuovo colore di capelli su un sito specializzato… anche io imparo dai miei maestri! La trovo a fumare nel cortiletto con gli occhi lucidi.

Per farla breve: NuovaRedattrice l’ha chiamata al piano di sopra e, senza preamboli, le ha fatto una scenata davanti a tutti dicendole che  gli articoli non vanno bene, che non è precisa, che non sa formattare correttamente e bla bla bla. Le ha anche scritto una mail, con tutti in cc, in cui le dice le stesse cose, nello stesso modo.

La redattrice mi dice che non se lo aspettava assolutamente,  che se i pezzi non vanno bene allora il brief non era chiaro, lei ha fatto ciò che le è stato richiesto. Mi fido di lei, ma verificherò la cosa, in quanto a formattazione e precisione, invece, garantisco fin da subito io.

Il punto, in ogni caso, è che le MIE risorse, se c’è bisogno, LE CAZZIO IO, SOLO IO ED UNICAMENTE IO e in nessun caso qualcuno che lavora da 2 anni scarsi e che GERARCHICAMENTE è in una posizione inferiore alla mia. Se la collaboratrice ha lavorato male, NuovaRedattrice doveva certo farglielo notare e correggerla, ma non in quel modo.

Povera, è davvero evidente che ancora non ha capito un cazzo di come ci si comporta. Adesso aspetto l’occasione gisuta per ribaltarla a dovere, intanto non ho potuto non rispondere alla mail, in cui in cc c’ero anche io:

Cara NuovaRedattrice,

non ti devi permettere mai più di scavalcare un tuo superiore e di riprendere in questi termini qualcuno che formalmente è un tuo pari. Quando avrai imparato a gestire dei collaboratori e a rispettare la gerarchia, che è garanzia di correttezza, allora saprai anche come farli lavorare nel modo più efficace ed efficiente, senza dover ricorrere a metodi da mercato rionale. Adesso verificherò in prima persona la qualità del lavoro della collaboratrice e, se ce ne sarà motivo, prenderò le misure necessarie.

Per pararmi il culo con PollyCanna (in cc pure lei), le ho subito fatto un forward, scrivendo:

LaStancaSylvie: PollyCanna, perdonami ma l’ho dovuto fare, non posso permettere che TI scavalchino, sono sicura che NuovaRedattrice lo ha fatto con le migliori intenzioni, ma è una lezione che le servirà per diventare più professionale.

La sua risposta?

PollyCanna: Non ho seguito la vicenda ma ok.

Eh, le conosco le mie galline….

Annunci

22 commenti on “Piccoli mostri crescono a NoNothing Inc.”

  1. mantiduzza ha detto:

    il forward è stato il gesto da maestro.
    (che bello essere fuori da queste dinamiche!)

  2. goldie ha detto:

    io non imparerò mai!

  3. lorenzo ha detto:

    della serie “non me ne frega un cazzo”.

    ebbrava pollycanna.

    pure io scrivo con le parole chiave giuste per far finire la gente sul mio blog: infatti se notate in ogni post non mancano mai un “cazzo”, “figa”, “merda”, “porno”, “cacca”.
    si sa che il popolo del web è acculturato come pochi.

  4. extramamma ha detto:

    C’era una volta un tizio che vendeva culle sul web e per incrementare il traffico, e ovviamente gli affari, aveva messo tra le parole chiave del sito “pompino”.

    Giuro che è vero 🙂

  5. Laura ha detto:

    Brava! 🙂
    io amo Pollycanna ogni giorno di più *_*

  6. widepeak ha detto:

    sei veramente il mio mito professionale!

  7. vicozzarecords ha detto:

    Hai tutto il mio rispetto!

    😀

  8. aritmia ha detto:

    complimenti per la finezza!

  9. Wow che ambiente spumeggiante!! Machiavelli ci avrebbe scritto su un paio di libri…..

  10. Antonella ha detto:

    Seguo il tuo blog da sempre e lo trovo geniale: tu scrivi benissimo e riesci a rendere lo squallore e l’assurdità della vita d’ufficio, che per fortuna ora per me è solo un lontano ricordo. Questo post però mi ha decisamente deluso, perché a mio parere dimostra che sei ancora parte di quei vuoti meccanismi aziendali fatti anche di inutili giochi di potere: pensavo che tu ne fossi già fuori, almeno mentalmente…

    • LaStancaSylvie ha detto:

      Ti ringrazio tanto per il tuo commento perché mi dà la possibilità di ribadire un concetto importante: avrei dovuto farla passare liscia ad una ragazzina arrampicatrice senza umiltà (che ha cazziato una mia persona davanti a tutti, via mail e di persona? Senza lamentarsi con me prima di tutto e capire come rispolvere la qestione? Eh no, oramai ho dichiarato qual è la mia linea: con chi se lo merita sarò la stessa persona disponibile e generosa di sempre, con chi fa lo stronzo sarò implacabile, non mi pagano per tollerare le scorrettezze altrui!!!!!
      LaStancaSylvie

  11. (in)determinata ha detto:

    ho ancora parecchio da imparare… uff

    (in)determinata

  12. Zoppas ha detto:

    Scusa ma come mai te la sei presa tanto?

  13. nanaros ha detto:

    La risposta di PollyCanna è delle migliori. Ed è probabile che nello stesso giorno abbia risposto a più mail con la stessa frase “non ho seguito la vicenda ma ok”.
    Prova a pensare a quante situazioni si può adattare questa risposta!

  14. Silvia ha detto:

    Complimenti.
    Per fortuna io ne sono fuori da un po’..

  15. pattylafiacca ha detto:

    Nell’ultimo lavoro , dal 2006, ho provato scientificamente a “dare” all’ufficio il 50% di quanto dato nell’impiego precedente (uguale professione e retribuzione più o meno la stessa) e vuoi sapere il risultato ? Stipendio aumentato e tante belle pacche sulle spalle a dirmi quanto sono brava . Bah, il mondo va davvero alla rovescia

  16. Zoppas ha detto:

    Mah, io non credo che si debba imparare ad essere deficienti, credo però che sia utile conoscere le regole del gioco…

  17. […] con NuovaRedattrice, che pare avere capito la lezione anche se mi odia, quando mi chiama PollyCanna al cellulare con la […]

  18. […] che mi fa infuriare: NuovaRedattrice + UnaCollaboratrice. Vi avevo già anticipato la questione e pensavo di averla risolta, ma mi […]

  19. […] gli impegni e riflettendo sui vostri commenti, non ho avuto modo di sporcarmi le mani di sangue con NuovaRedatrice e IlRedAttore, dopo la porcata che mi hanno fatto. Ho lasciato cadere […]

  20. […] di lavorare come in una fanzine per adolescenti è di GranCamiciaCifrata. IlRedAttore e NuovaRedattrice vengono infatti da una piccola realtà editoriale dedicata al mondo dei ggggggiovani: contenuti SEO […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...