Il Natale de IlRedAttore

 

Yes: Loser

Anche quelli che sembrano perlopiù innoqui nascondono la malerba dentro. Ho parlato solo una volta di lui, ed ora eccovi il resto. Intanto immaginatevelo: ha i capelli rosso-ciliegia, ha un portamento altezzoso ed impostato ma è grassoccio, a volte è simpatico da crepare, certe altre è un vile. Più che il redattore però fa il community manager, ed è bravo, sia a scrivere, che a curare i rapporti online cercando di portare traffico ai siti che gestiamo.

Attenzione: bravo a scrivere significa che scrive bene in ottica SEO, per il resto è assolutamente piatto e riempitivo; a curare rapporti online è bravo nel senso che usa ogni mezzo per avere due click del cazzo in più. Niente eleganza, niente stile, anche se lui vorrebbe proprio averceli. È l’emblema del VORREI MA NON SONO. E ora vi mostro quanto è meschino.

Cena aziendale natalizia. Quel figlio di puttana di GranCamiciaCifrata invita gente a caso ed esclude tutti i miei collaboratori. Dopo l’ondata di demotivazione in conseguenza dei licenziamenti proprio non ci vuole. Si sentono giustamente fuori dal gruppo, considerati dal capo dei dead men walking non degni di sbafare una cena e sedere ai tavoli con i “grandi”. Misteriosamente il fino allora insignificante IlRedAttore viene invitato, insieme ad una NuovaRedattrice (che non ha ancora un nome, tanto per farvi capire l’assurdità del tutto…), anche se hanno lo stesso identico contratto dei collaboratori, anche se lavorano là almeno da 3 anni in meno dei miei collaboratori.

Scoppia una piccola rivoluzione a suon di scoramento e delusione. È solo una stupidissima cena di Natale, ma l’esclusione è il significato che si porta dietro, ed è grave. So che  come capo devo rinfrancare gli animi e penso: organizzo una cena alternativa con tutti loro, chiedo a IlRedAttore e a NuovaRedattrice se si uniscono a noi, rinunciando alla cena “dei grandi”, dimostrando solidarietà con i miei collaboratori ma, soprattutto, rendendo il problema molto meno evidente (i capi di là, la bassa manovalanza di qua).

Dico loro che parlerò con GranCamiciaCifrata personalmente spiegandogli che la loro rinuncia è solo un favore personale fatto a me. Vi giuro che a lui non sarebbe fregato un emerito cazzo, nemmeno si è accorto di chi ha invitato e di chi no. Quando gli è stato fatto notare che aveva escluso proprio chi fa il prodotto che vendiamo ha soffiato sul ciuffo e non ha cambiato idea solo per non contraddirsi, ma non capiva nemmeno di cosa stessimo parlando.

Comunque, la tiro breve ed ecco la risposta del valoroso IlRedAttore (subito copiata da NuovaRedattrice), uomo di alti valori:

Scusa LaStancaSylvie ma a me dei tuoi collaboratori non me ne frega nulla, io sono stato invitato e voglio esserci, farmi notare è un mio diritto e poi, scusa, ma al lavoro non sono amico di nessuno.

Eh, d’altro canto si sa, a Natale siamo tutti più buoni.

Annunci

12 commenti on “Il Natale de IlRedAttore”

  1. sesto rasi ha detto:

    IlRedattore non è molto interessante, è uno scialbo come tanti , che farà un po’ di strada ma non troppa (figurati, uno che per così poco scopre le sue carte)…invece mi interessa di più la manipolazione della cena natalizia: la disdegni e ti infastidisce, ma guai se non invitano i tuoi…..occhio, ti stanno fregando!!!! Posso consigliarti un gran bel testo su questi meccanismi? Quando vieni a trovarmi fai anche una scappata sul 17febbraio2010….ciao!

    • LaStancaSylvie ha detto:

      Wow, il libro me lo prendo subito!

      Che mi stiano fregando non c’è dubbio, però qui il mio focus voleva essere altro, ma magari sono già così cieca che non mi rendo più conto del mio LIBERO arbitrio.

      Della cena di Natale in sè a me non interessa (tanto che io avrò un fortissimo mal di testa e non andrò), ma come capo di un piccolo esercito che ha subito nell’ultimo mese un dimezzamento per i licenziamenti e si ritrova senza certezza alcuna per il prossimo anno, se non quella di doversi fare un culo quadro, l’ultima cosa che ci voleva è un segnale di esclusione dal gruppo.

      Se l’esclusione fosse stata “logica”, tipo gli assunti sì e i progetti no, sarebbe stato “normale” e nessuno avrebbe pensato “ok, già non mi considerano più parte dell’azienda”, con le conseguenze gestionali e di risultato (per non toccare il lato umano) che questo si porta dietro.

      Sono d’accordo che IlRedAttore sia poco interessante, credo di averlo schiacciato oggi mentre mi pulivo le scarpe sul selciato davanti all’ufficio.

      LaStancaSylvie

      • sesto rasi ha detto:

        LaStancaSylvie, non fraintendermi: nei tuoi panni starei uguale, sono scene che conosco; solo le sto vedendo da fuori. Quanto a IlRedattore, è lui poco interessante, non la descrizione che ne sapresti fare (già la gag del selciato lo dimostra….) ciao

  2. Zoppas ha detto:

    Agira spinta da sentimento come agisci tu e ricevere simili risposte è l’ulteriore mazzata psicologica… ma tu ricorda che hai 2 modi per reagire : uno è deprimerti e l’altro è invece provare orgoglio sincero verso la tua diversità e proseguire orgogliosamente e coraggiosamente per la tua via, senza voltarti indietro.

  3. M di MS ha detto:

    Quoto Zoppas.
    Non andare alla cena e fai al tua controcena. Almeno l’onore è salvo.

  4. oltreilcancro ha detto:

    o che bella personcina. ma davvero. poi fisicamente mi ricorda pure qualcuno, quell’insieme di viltà e roscitudine
    ps.
    senti cara, ti cerco per chiederti una cosa non è che potresti darmi un tuo recapito o che potresti scrivermi a widepeak@yahoo.it?

  5. donnaincorriera ha detto:

    Quante parole (meritate) può beccarsi il IlRedAttore? Ok ok, è insulso, cafone,opportunista, ma è sorprendente la sua vile onestà! Al suo posto qualcuno poteva fare l’amicone e poi pugnalarti, o dirti una balla…fingersi dispiaciuto. No, questo piccolo grande ehm…come definirlo..ah, “elemento” ti ha detto per inciso che è uno stronzo. Dai, vedila così, magari il suo regalo di Natale è stato svelarsi per ciò che è realmente!

    Ps: complimenti per la controcena!

  6. […] Downshifting Baby Voglio una vita normale Salta al contenuto HomeDownshifting?!LaStancaSylvieIl downshifting e LaStancaSylvie ← Il Natale de IlRedAttore […]

  7. […] di slide venderebbe sempre tutto; LaPoveraVittima nell’ultimo seggiolino che si nasconde; IlRedAttore che fa filmatini idioti e li mette su Facebook (sì, era tutta una mia fantasia lo scorso […]

  8. […] anche a confermarlo, non guarda nessuno e gira la rotellina del BlackBerry presa dalla lettura. IlRedAttore è in piedi, rosso non solo di pelo, ma anche in viso, come al solito sfigato nel DNA, nerd […]

  9. […] scorso il Natale a NoNothing Inc. è andato come andato. IlRedAttore mi ha tirato un brutto scherzo, ma non gli è convenuto tanto e PollyCanna ci ha provato, e ci è anche riuscita, ma del resto […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...