Aiuto, sono diventata un mostro

We live no more - vhm alex

Due dei miei collaboratori, con i quali da sempre cerco di avere un rapporto onesto e trasparente, se la stanno prendendo troppo comoda. Li conosco bene, se lavorano concentrati e con impegno, tirano fuori progetti e idee per campagne davvero di grande livello. Sono creativi ma molto metodici, insomma, sono davvero bravi. Ma sono un paio di mesi che proprio non va:

  1. non rispettano le scadenze senza avvertirmi e spiegarmi perché
  2. dicono di essere malati e invece scopro che lavorano per altri a cui danno la precedenza
  3. consegnano lavori imprecisi e senza aver verificato col cliente che sia davvero tutto a posto
  4. semplicemente a volte non vengono in ufficio

Quindi, sebbene siano a progetto, quindi possono lavorare per altri e non venire in ufficio etc., è anche vero che hanno un contratto di 12 mesi a 3,5 k al mese, quindi mi aspetterei quantomeno di essere avvertita delle “sparizioni” e dei ritardi nelle consegne. Una minore qualità dei prodotti invece non è comprensibile con nessuna forma contrattuale.

Ogni inefficienza e problema con i clienti ha una ricaduta negativa sul progetto e ovviamente su di me, quadro aziendale chiamato, fra le altre cose, a gestire ben 17 collaboratori. Ho preso cazziatoni da tutto il mondo, ho dovuto giustificarmi con molta gente, ho buttato giù rospi amarissimi. Quindi mi sono rotta le palle.

Un tempo mi sarei seduta con loro, avrei cercato di capire cosa è successo, con calma e pazienza, avrei pensato solo alla loro precarietà e tollerato molti “scivoloni”, mi sarei messa in discussione mille volte e cercato le radici del loro comportamento in un mio errore, magari, li avrei fatti parlare abbondantemente e sfogarsi dei malfunzionamenti della struttura e dei contratti a progetto. Dopo due ore di colloquio sarei tornata al mio lavoro, avrei preso la metropolitana alle 22.00 e sarei tornata a casa alle 23.00.

Non stavolta. Li ho chiamati in sala riunioni e senza farli nemmeno sedere:

LaStancaSylvie (in piedi, braccia incrociate, davanti a loro): Ragazzi, non so cosa sia successo, ma il vostro lavoro da due mesi a questa parte non è più soddisfacente e il mio compito è trovare una soluzione applicabile da adesso.

Collaboratore1 si guarda con Collaboratore2 e iniziano a balbettare cose a vanvera. Il mio insolito atteggiamento, molto diretto e che non lascia spazio a scuse o ragioni, evidentemente li ha già stupiti a tal punto da farli tartagliare.

Collaboratore1: Ma … che intendi con precisione … non capisco …

LaStancaSylvie: In 60 gg. di contratto, che aziendalmente mi cubano quasi 10k di vostro stipendio, ho ricevuto 3 progetti indietro dal cliente per mancanza di alcune reportistiche di dati che mettiamo da anni di default, per 7 gg. non vi siete presentati in ufficio, senza una telefonata o una mail, ben 6 lavori sono stati consegnati in ritardo, senza alcuna giustificazione, e i progetti creativi che avete presentato sono pensati e buttati giù di fretta, il che mi fa pensare che lavoriate molto, troppo, per altri committenti.

Collaboratore1 non mi guarda in faccia, è in piedi con le mani penzoloni e si sta guardando le scarpe. Collaboratore2 tenta di risalire la china, si schiarisce la voce:

Collaboratore2: Ma noi possiamo fare altri lav …

LaStancaSylvie (compostamente infuriata): Ti fermo subito, certo, puoi lavorare per altri come è sempre successo, ma stavolta non ho né voglia né tempo di spiegarti quale è il confine oltre il quale io rescindo il tuo contratto a progetto di 12 mesi col quale guadagni 3,5k al mese, che netti sono 2,5k. Non mi dovete prendere per il culo.

Collaboratore2 (pallido, incredulo e prostrato): Sì … ma tu … ci avevi detto che potevam …

LaStancaSylvie (che non si ricorda cosa gli ha detto, ma è incazzata fuori misura): Non è questo il punto, il punto è che non voglio essere presa per il culo.

Li fisso con crudeltà, sempre in piedi, immobile, giuro li schiaffeggerei, non mi riconosco.

Collaboratore1 (tono acuto e tremante): E’ che tu a volte non ci sei mai per …

LaStancaSylvie: Non è questo il punto, il punto è che non voglio essere presa per il culo.

La mia voce è ferma e decisa, ho iniziato a passaggiare su e giù, braccia conserte, mi faccio paura da sola.

Collaboratore1 (testa bassa): Ma potevi avvertirci prima che  …

LaStancaSylvie: Non è questo il punto, il punto è che non voglio essere presa per il culo. Vi dò 30 gg. per vedere se ci siamo capiti, dopodiché vi lascio a casa.

Ci ho quasi preso gusto.

Collaboratore2 (cerca di giustificarsi con tono lamentoso): Ma … ma … tu non ci hai mai detto che …

LaStancaSylvie (andandosene fiera): Su una cosa avete ragione, non ho tempo e nemmeno altro da dirvi.

Sbatto la porta, corro in bagno e mi guardo allo specchio. Mio Dio, è la prima volta che esercito fortemente il mio potere. Un potere che ho, a giudicare dalle facce dei due, e io che non me ne ero mai accorta… Non ho dovuto dare spiegazione di nulla, non devo, sono il capo! Non li ho lasciati parlare, non devo, sono il capo! Non ho cercato di capire le loro motivazioni, non devo, io devo giudicarli solo dai risultati, sono il capo!

Mi balena un pensiero che mi fa sudare. Oddio! Mi porto una mano alla bocca per lo spavento misto a sorpresa, mentre mi fisso allo specchio e apro il rubinetto: Sto diventando così … come lorocome quelli da cui rifuggocome i MIEI CAPI!!

Aiuto!!

Annunci

28 commenti on “Aiuto, sono diventata un mostro”

  1. Pris ha detto:

    Io sto ancora pensando a quei 2.5k netti.
    Non so perchè, ma fatico a concentrarmi sul resto della storia.
    Coraggio, fare il capo è sempre fastidioso e sono davvero curiosa di sapere come andrà a finire! Ciao!

  2. clandestinamentemente ha detto:

    Torna in te, il lavoro ha il potere di abbruttirci.
    E’ giusto non farsi prendere per il culo. Sono sicura che TU riuscirai a trovare il giusto modo per comunicare e collaborare onestamente con loro. Senza giochi di potere.
    Quelli li lasciamo a Grancamiciacifrata ok?

  3. svivi ha detto:

    Mettiamola così, tu sei una persona disponibile, loro ne hanno approfittato e tu ti sei esasperata… ora ti sei sfogata, loro avranno sicuramete capito, quindi adesso puoi tornare te stessa, non sei come i tuoi capi, ma adesso sai che in caso di necessità ne sei capace…

  4. Azzurrapensiero ha detto:

    Tesoro se i tuoi collaboratori non fanno bene il loro lavoro fai bene a rimetterli in riga.
    Io il miolavoro lo faccio bene per molti meno soldi…
    Posso mandarti il mio cv?
    Kisses
    Azzurra

  5. Ifigenia ha detto:

    Beh, io credo che il fatto che abbia ripetuto incessantemente a mo’ di martello pneumatico “Non mi va di essere presa per il culo” e che abbia voltato i tacchi e sia andata via senza aver dato modo loro di replicare significa che ti è costato richiamarli.

    Forse il nocciolo della questione è che loro erano pagati, e bene, per lavorare da professionisti, non da pecioni. Il fatto era che si sarebbero dovuti vergognare per la scarsa qualità del lavoro prodotto e per la mancanza di educazione nel gestire la loro presenza/assenza. Si sarebbero dovuti vergognare per aver bisogno, professionisti, del cane da guardia.

    Lavorando male, non prendervano per il culo te, piuttosto danneggiavano pesantemente la loro immagine.

  6. riccio84 ha detto:

    Non sei come i tuoi capi, lo sai tu e lo sappiamo bene anche noi.
    Sei una persona onesta e ragionevole con cui è possibile parlare….in più cerchi di andare incontro alle esigenze altrui.
    Tra essere così e farsi prendere per il culo il confine è estremamente labile, quindi direi che hai fatto benissimo a cazziarli. Quando ci vuole ci vuole. Anzi, con il tuo permesso li cazzierei un pò anche io, dato che i miei datori di lavoro mi sbatterebbero fuori per molto meno…e i miei “K” di stipendio sono circa un quinto di quelli che arrivano in tasca a loro. Ah, ovviamente senza aver firmato nessun contratto…..

  7. nanaros ha detto:

    Come diceva Spider Man “Da un grande potere derivano grandi responsabilità”. La prossima volta, magari, prova a lasciare loro il tempo di parlare, ma per il resto non te ne fare un problema: capita a tutti di sbottare! Ciao!

  8. lunapiccola ha detto:

    ehm 3,5 k lordi? posso iniziare domani?
    purtroppo anche io non riesco a focalizzarmi sulla storia…
    posso mandarti il cv?

  9. AkaiSuisei ha detto:

    Ciao cara…eh…quando ce vo’…ce vo’!!! Non è tutto semplice come possa sembrare…E gestire le persone non lo è mai…Bisogna star sul pezzo, a volte – come penso io, assurdamente – sembra quasi di dover fare da balia! Sinceramente, mi permetterei di dirti di star loro dietro più spesso…Anche se ti sembra eccessivo. Anche a me è capitato di “fidarmi”, lasciando fare, cercando di responsabilizzare, e poi non mi è rimasto altro che risolvere casini..anche grossi! Un abbraccio solidale, come sempre! Akai

  10. estate-indiana ha detto:

    io anche sto pensando ai 2,5 netti.

  11. Clara ha detto:

    Ho letto fino ai 2,5 netti e poi ho smesso di leggere….
    Che tristezza….
    Clara

  12. Zoppas ha detto:

    La tua reazione secondo me è giustificata, due collaboratori con cui avevi instaurato un rapporto di fiducia l’hanno tradita. No, non sei come i tuoi capi : la loro severità è soltanto ingiustificata stronzaggine camuffata, la tua severità è motivata e motivabile. Se poi in quel momento di rabbia ti ispiravi a loro, beh, mi viene da chiederti : non sarà mica la prima volta che ti arrabbi nella vita, non sarà mica che hai bisogno di prendere ad esempio i modi di questi mentecatti per farti valere, no?

  13. Fede ha detto:

    ciao, sono passata di qua alcune volte, ma finora non ho commentato. Supero lo shock dei 2500 netti e capisco la sensazione di orrore finale: come (ex) prof dopo aver ripreso e spaventato – a dir loro – degli studenti per la loro cazzonaggine mi sentivo un mostro.
    Poi pero’ a fine anno mi hanno anche ringraziato. Ciao!

  14. Zoppas ha detto:

    Mi fanno un po’ ridere i commenti di tutti coloro che si soffermano solo sui 2500 euro netti di stipendio : bel modo di pensare al downshifting!

  15. Pris ha detto:

    Mi dispiace che la provocazione sui 2.500 euro netti sia stata colta in questo modo, Zoppas. Te lo dice una che quando si è appassionata del lavoro che stava facendo ha decisamente tralasciato l’argomento soldi e ci ha steso sopra un pesante e pietoso velo.
    Ma la provocazione nasceva per dire che le persone che hanno una professionalità tale da meritare questi soldi (e certamente li meritano) dovrebbero comportarsi in modo adeguato a tale professionalità. E se nonostante l’esperienza e la serietà che queste persone avrebbero dovuto spendere nel proprio lavoro LaStancaSylvie si è trovata in questa situazione, credo proprio che avessero passato il segno, e di parecchio.
    Non era mia intenzione congelare la discussione sulla questione dei soldi, ma forse sono stata troppo ermetica.

  16. sherpa01 ha detto:

    Giustamente i collaboratori massimizzano i benefici minimazzando lo forzo.
    Solidarizzo con loro

  17. Serendipity84 ha detto:

    visto che i miei k sono mooooolto meno (circa 1800 in meno), dato che i miei k sono per la maggior parte in nero, dal momento che nessuno mi ha mai fatto un contratto di 12 mesi, dal momento che io devo farmi, DEVO, 40 ore minimo in ufficio a settimana e soprattutto poichè questi ragazzotti non sanno proprio riconoscere un’occasione e soprattutto portare un po’ di gratitudine….il cazziatone ci sta. Ma ti prego, non ti trasformare, ti prego ti prego ti prego….

    PS Mi unisco ad Azzurra, posso mandarti il mio cv? 🙂 Scherzo solo per metà…magari puoi darmi qualche consiglio su dove indirizzarmi….sono n po’ disperation mood….

  18. Neofanta ha detto:

    Un cazziatone non ti fa come i tuoi capi, se tu fossi come loro non avresti alcun tormento interiore, loro hanno una superficialità ed una meschineria abnormi, senza pensare al fatto che non stanno facendo funzionare l’azienda. Per me quindi hai fatto bene. Loro erano nel torto e cercando delle scuse hanno mostrato scarsa maturità e onestà, soprattutto se sanno quanto sei più umana e preferibile agli altri capi. Saluti, Neofanta

  19. Neofanta ha detto:

    Scusa, nelle ultime 3 righe volevo dire che avevano torto i tuoi collaboratori a cercare scuse. Neofanta

  20. precaria09 ha detto:

    Credo sia normale non voler essere presi per il culo, e ritengo sia giusto riprendere i propri collaboratori quando sbagliano. In fondo, un capo deve coordinare, deve capire cosa c’è che non va e cercare di aggiustarlo (anche licenziando qualcuno, certo). E sbottare quando si è esasperati è completamente umano. Quello che non sopporto è quando i superiori sono perennemente incazzati e ti trattano male senza alcun perché. Quando esercitano il loro potere soltanto per umiliarti, perché si vogliono sentire forti, senza un reale motivo. Ma sono certa che tu non diventerai così. Il potere purtroppo imbruttisce le persone, ma da quello che hai scritto ho capito che non è quello che sta accadendo a te…

  21. Azzurrapensiero ha detto:

    Carissima ho un nuovo sito, ma tengo anche quello vecchio, sono internetlogorroica…
    è qui:
    http://www.nientepanicosorridi.com

    kisses
    Azzurra

  22. Zoppas ha detto:

    Adesso è molto più chiaro, Pris!

  23. widepeak ha detto:

    fatto bene, la prox volta un calcio in culo. ma scherzi! brava. e tranquilla, non ci diventi come i tuoi capi. se lo fossi anche solo lontanamente:
    a) loro non si sarebbero mai permessi
    b) se anche si fossero permessi, l’inettitudine capa non l’avrebbe rilevato. e li avrebbe cazziati, che so, per quanti caffè bevono al giorno, tipo

  24. mrsimpleliving ha detto:

    Io invece sono ancora nella fase in cui chiedo le motivazioni. Non è questo il punto. E’ quello che vogliamo davvero? Io no, basta!

  25. elisinob ha detto:

    Di questo post, ammetto, la foto mi rimarrà impressa molto a lungo.
    Semplicemente stupenda!
    Certo che i tuoi collaboratori sono pagati bene, eh?!
    Un saluto e a presto!

  26. […] di progetto con tutti i miei collaboratori che espongono le loro idee sulle realizzazioni delle settimane successive. Uno ad uno parlano, […]

  27. […] non impazzire in quest’aziendona inutile e votata al fallimento. Ah, intanto cerco anche di non diventare un mostro vero e proprio, chissà se riuscirò a fare tutte queste cose. Comunque stavolta al lavoro mi è […]

  28. […] e PersonaggioLicenziato2: ho già scritto di loro. Ultimamente nemmeno tanto più bravi, arroganti, poco chiari con i colleghi,  non consegnavano in […]


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...